Dopo aver affrontato la figura del lavoratore sportivo, in tutte le sue tipizzazioni, ci concentriamo sulla figura del collaboratore amministrativo gestionale, tanto utile alle associazioni, per la cura di tutti gli aspetti amministrativi e lo svolgimento di molti compiti di segreteria.

Tale mansione, dopo il riordinamento dettato dalla riforma dello sport, non è considerata un lavoratore sportivo, essendo categoricamente esclusa, dall'art. 25 comma 1 del D.Lgs 36/2021.

Non mancano, comunque, analogie, dal punto di vista fiscale, in quanto si potrà usufruire delle stesse soglie di esenzione ai fini del calcolo dei contributi INPS e ai fini IRPEF. 

Non potranno, però, ad esempio, beneficiare della presunzione di legge di cui all’ art. 28 dello stesso decreto, nel limite delle 24 ore , riservata ai lavoratori sportivi (in questo caso risulterebbe molto utile la certificazione del contratto).

E' l'art. 37 che va a normare, in modo preciso, tale figura:

Ricorrendone   i   presupposti,   l'attività   di   carattere amministrativo-gestionale  resa   in   favore   delle   società   ed associazioni sportive dilettantistiche,  delle Federazioni Sportive Nazionali, delle  Discipline  Sportive  Associate  e  degli  Enti  di Promozione Sportiva riconosciuti dal CONI  o  dal  CIP,  può  essere oggetto di collaborazioni ai sensi dell'articolo 409, comma 1, n.  3, del codice di procedura civile, e successive modifiche. 

anche in questo caso, il collaboratore organizzerà autonomamente l'attività lavorativa, seppur in un contesto etero organizzato, come spiegato già nell'articolo dedicato al co.co.co sportivo.

Nei commi successivi a quello introduttivo, vengono delineati gli obblighi assicurativi, contributi ed assistenziali.

Adempimenti per i sodalizi per i co.co.co. amministrativo-gestionali:

- obbligo di stipulare un contratto co.co.co.;

- obbligo di comunicazione al Centro per l'impiego UNILAV, tramite professionista abilitato;

- obbligo di tenuta LUL ;

- obbligo di emissione di busta paga;

- obbligo di assicurazione INAIL;

- obbligo di assicurazione previdenziale ed assistenziale sopra la soglia dei 5.000 euro (gestione separata);

- obbligo di adempimenti fiscali (Certificazione Unica ed eventuale 770)

- sicurezza (prossimo correttivo): Ci si dovrà attenere a quanto disposto dal DL 81/08 per il mondo del lavoro (DVR e medico del lavoro).

- obbligo di certificato antipedofilia se si lavora con minorenni (esempio iscrizioni in segreteria);

Non vi rientrano coloro che forniscono attività di carattere amministrativo-gestionale, nell’ambito di una professione, per il cui esercizio devono essere iscritti in appositi albi o elenchi tenuti dai rispettivi ordini professionali (commercialisti ecc.)

In prossimi focus entreremo nel dettaglio per quanto riguarda gli aspetti previdenziali e fiscali.