AGGIORNAMENTO DEL 3 NOVEMBRE 2020

Arrivata in serata la mail con la procedura guidata per la conferma dei requisiti o la rinuncia dell'indennità testualmente sotto riportata:

Come previsto dall'art. 17, comma 3, del decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137, Sport e Salute S.p.A. procederà, anche per il mese di novembre 2020, ad erogare, in via automatica, l’indennità di 800 euro ai collaboratori sportivi già beneficiari dell’indennità per i mesi di marzo, aprile, maggio o giugno 2020. Hanno diritto all’erogazione automatica i collaboratori che, in conseguenza dell’emergenza da COVID-19, hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività per il mese di novembre 2020, e, per i quali, sussistono gli altri requisiti di cui all’art. 17, comma 1, del decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137. (eventuali incompatibilità od esclusioni da altri redditi inseriti nel decreto ristori, rapporto di collaborazione attivo dal 28 ottobre 2020 e nell'ambito dell'ordinamento sportivo ecc vedi FAQ). 
Fatta salva ogni successiva attività di controllo e verifica dell’effettiva sussistenza dei requisiti richiesti, si chiede pertanto di cliccare sul seguente link (segue link "personalizzato" per ognuno ndr) e, dopo aver letto attentamente le FAQ pubblicate sul sito istituzionale della Società, di spuntare le due dichiarazioni ivi riportate, per autocertificare - ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 46 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 (autocertificazioni)  – che permangono i requisiti richiesti.
In caso di mancata risposta entro le ore 24.00 del 10 novembre 2020, non saremo in grado di effettuare l’erogazione automatica.

Le scelte sono semplici.

Dal 30 ottobre, sul sito del Dipartimento dello Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è disponibile la nuova piattaforma per la richiesta di erogazione del 5 x 1000 per le associazioni sportive dilettantistiche.

Questo nuovo strumento, permetterà di usufruire di procedure semplificate per la registrazione dei dati necessari al completamento dell'iter amministrativo.

Pubblicato in G.U. il D.L. n. 137/2020, cosiddetto Decreto Ristori.

Diversi gli interventi diretti a favore dello sport ed indiretti a favore delle imprese che possono essere validi anche per le Società Sportive Dilettantistiche.

Aumentati o raddoppiati i ristori, per le categorie colpite da questo primo lockdown parziale della fase 3. (se si dovesse arrivare alla fase 4 il lockdown sarebbe totale).

Il Decreto si suddivide in diversi titoli con sostegni all'economia e alle imprese (art. 3 il fondo di sostegno per le ASD e SSD), con le disposizioni in materia di lavoro (art. 17 Disposizione a favore dei lavoratori sportivi),  per finire con le misure a sostegno in materia di salute e sicurezza.

Emanato ai sensi DPCM del 17.05.2020 art. 1 lettera f) ed aggiornate dall’articolo 1, comma 6 del DPCM del 13 ottobre 2020 e dall’art. 1, comma 1, lettera d, punti 1 e 2 DPCM del 18.10.2020, il nuovo protocollo attuativo delle Linee Guida per l'attività sportiva e l'attività motoria in genere.

Il protocollo oltre agli aggiornamenti normativi sopra citati, contiene anche gli elementi più importanti dei protocolli delle FSN, DSA ed EPS (tali protocolli sono sempre da integrare al presente).

Inoltre vengono introdotte misure per rendere ancora più efficaci le regole in vigore.

Il presente Protocollo fornisce pertanto indicazioni specifiche volte ad assicurare la prosecuzione delle attività sportive e dell’esercizio fisico alle quali devono attenersi tutti i soggetti che gestiscono, a qualsiasi titolo, siti sportivi, centri di attività motoria, palestre, piscine, o i soggetti che comunque ne abbiano la responsabilità.

Il Protocollo illustra le misure minime obbligatorie da adottare per il contenimento degli effetti della pandemia da COVID-19. Gli enti riconosciuti dal CONI e/o dal CIP (Federazioni Sportive Nazionali, Discipline Sportive Associate, Enti di promozione sportiva, Federazioni Sportive Paralimpiche, Discipline Sportive Paralimpiche, Enti di promozione sportiva paralimpica) potranno tuttavia adottare ulteriori misure più restrittive, nonché fornire tutte le indicazioni che tengano conto delle specificità delle singole discipline e delle indicazioni tecnicoorganizzative al fine di garantire il rispetto delle misure di sicurezza da parte dei soggetti che gestiscono impianti sportivi e che rientrano nella propria rispettiva competenza.

Il presente Protocollo si applica a anche a qualunque altra organizzazione, ente o associazione che si occupi di esercizio fisico e benessere dell’individuo ( quindi anche al mondo olistico e del benessere).

Sport Governo - In primo piano

IL RISPETTO DELLA PRIVACY E' LA NOSTRA PRIORITA'

NOTA! Questo sito utilizza i cookie di terze parti (social ecc) e tecnologie simili, non utilizza cookies di profilazione.  Chiudendo questo banner o cliccando su un qualunque elemento della pagina si accetta l'utilizzo dei cookie. E' possibile consultare l'informativa, negare il consenso ai cookie e per gli utenti personalizzarne la configurazione alla sezione dedicata.